3/05/2015
0
"L'epilessia è una cosa seria", vi sentiamo già dire. È vero, per cui l'argomento andrebbe sempre affrontato cum grano salis e non con roboanti dichiarazioni come "l'utilizzo dei giochi elettronici può anche provocare crisi epilettiche. 3 milioni di ragazzi a rischio", come fece il Corsera nel lontano '92. Da allora abbiamo imparato che l'epilessia fotosensibile colpisce solo chi è già predisposto, mentre il restante 99,9periodico circa di videogiocatore può divertirsi tranquillo. In ogni caso, se dopo un'intensa sessione di gioco doveste provare sintomi strani, prima di tutto, giocate di meno. Poi sentite il medico... - Noi Bovas

Lo sapevate che i videogiochi portano all'epilessia? Ebbene sì, è vero. Infatti se guardate la foto allegata a questo box, dovreste ben scorgere la situazione del povero Paolone. il nostro caporedattore alienato. dopo che uno sprite fetente gli ha ucciso l'ornino (anzi, l'astronavina) nel penultimo round di Parodius su Super Nes. Un provvidenziale Stefano Petrullo, ricordandosi per tempo di aver visto una tecnica simile nel serial "Marco Polo", è subito giunto in aiuto del suo collega infilandogli una cintura in bocca, ed impedendogli così di mordersi la lingua. Comunque sia, se volete leggervi qualcosa di molto più scientifico e razionale sull'argomento. non posso fare altro che consigliarvi la lettura dell'illuminante articolo a mezza pagina apparso sul Corriere della Sera datato 29 Novembre 1992, intitolato "Allarme Videogiochi: Mandano in Tilt". Scoprirete che la frontiera dell'umorismo va al di là degli Angoli di Bovabyte, delle canzoni di Elio e le Storie Tese e delle parabole di Giobbe. Per noi Bovas è stato un duro colpo, ma dobbiamo ammettere che se qualcuno ci si mette di impegno, sa essere molto più esilarante di noi in campo informatico. Per tanto fate molta attenzione a come giocate e a quanto tempo state davanti al monitor. Tanto per cominciare...

1) METTETEVI UN PAIO DI OCCHIALI SCURI
Sappiate che, infatti, le crisi di epilessia sorgono a causa dei "lampi di luce" che sempre più frequentemente abbagliano il giocatore (siete quindi pregati di non giocare a Turrican. Il suo "fucile a raggio di lampi", infatti, potrebbe essere un pericoloso focolaio per le crisi epilettiche). Ciò implica che se state guardando la televisione, non dovete assolutamente guardare a lungo le sigle dei telegiornali: i disegni da cui sono composte potrebbero avere sulla vostra psiche gli stessi effetti della realtà virtuale nel film "il Tagliaerbe". praticamente quello di un chilo di LSD. Estremamente nocive, poi, le immagini in computer-art delle previsioni del tempo: creano ipnosi e dopo un po' vedrete il cielo tappezzato di nuvolette digitalizzate, soli oscurati, asterischi che indicano la neve, ecc ecc ecc. Occhio, poi. che danno assuefazione.

2) NON GIOCATE A SONIC 2
Infatti è stato proprio tale gioco a creare lo scompiglio in Inghilterra e a far dilagare la psicosi dell'epilessia “via computer”, in quanto sul libretto di istruzioni pedestremente tradotto erano riportate controindicazioni piuttosto pessimistiche. Adesso, onestamente, avete mai visto un giocatore entrare in sala giochi, giocare a Pac Man, e dopo essere stato vittima di un fantasmino, buttarsi a terra disperato in piena crisi epilettica? E i due videogiocatori che hanno fatto scoppiare il caso, non potevano essere già epilettici di per sé? Solo Perry Naso può rispondere.

3) USATE UN MINIMO DI AUTOCOSCIENZA
Ma siccome anche noi di BovaByte ci riteniamo democratici, abbiamo deciso di rispettare le opinioni in campo medico altrui. anche se non le condividiamo per niente. Per tanto abbiamo deciso di chiudere questa ennesima scemenza "made in Bovas" con qualche piccolo suggerimento. Tanto per cominciare, respirate profondamente prima di iniziare una partita, fate dieci minuti di yoga e poi giocate pure con comodo. Se nel corso della partita doveste essere colti da vertigini, vomito, spasmi vari, ipertensione ecc ecc ecc, consultate un buon medico: potreste avere l'influenza.

0 comments:

Posta un commento